logo
Copyright Qode Interactive 2016
 

Shop

Vespa PX 125 E Mix anno 1983

La Vespa PX è il modello di maggior successo della serie Piaggio Vespa. Alla sua presentazione al Salone di Milano del 1977, la nuova vespa fu battezzata come Nuova Linea.

A Milano il 10 ottobre 1977 la PX venne presentata al pubblico con una versione “gigante” pesante 700 kg, con a bordo alcune ragazze vestite con tuta da meccanico. La P125X fu l’apripista del nuovo telaio che vantava novità tecniche di rilievo come la nuova sospensione anteriore anti-affondamento, che garantiva una maggiore stabilità in frenata e la nuova sospensione posteriore con escursione maggiorata da 70 a 91 mm.

Venduta a 808.630 lire, l’ottavo di litro di casa Piaggio offriva freni a tamburo, motore monocilindrico con testa in alluminio, telaio a scocca portante in acciaio di 1,5 mm di spessore e una discreta autonomia grazie ai quasi 30 km con un litro di miscela al 2%. Gli indicatori di direzione, non obbligatori all’epoca, erano offerti come optional a costo di Lire 45.000.

Insieme al modello di 125 cm³, la casa di Pontedera presentò anche la P 200 E (che, nonostante il nome, faceva parte della stessa famiglia di scooter) che rappresentava il top di gamma in fatto di cilindrata ed era dotata di accensione elettronica Ducati. Pochi mesi più tardi, nel 1978, venne presentata al pubblico anche la P 150 X.

I tre modelli della PX mantennero queste caratteristiche fino al 1981 quando venne introdotta su tutta la gamma l’accensione elettronica già presente sulla 200. Le sigle dei modelli vennero di conseguenza modificati in PX125EPX150E e (dal 1982PX200E, dove la E indicava appunto “Elettronica”. Il 1981 fu inoltre l’anno del lancio della PX80E, con motore da 79,77 cm³ (alesaggio 46 mm, corsa 48 mm) con potenza di 5 kW a 6000 giri/min, destinata esclusivamente all’esportazione concepita per le norme di limitazione di cilindrata vigenti in alcuni paesi d’Europa. Nel Gennaio 1982 nasce la prima serie Arcobaleno caratterizzata dalla stessa sigla dei precedenti modelli con l’aggiunta di una piccola banda a quattro colori sotto la sigla (azzurro, rosso, giallo e verde, appunto un arcobaleno). La Vespa PX Arcobaleno fu rivista in diversi particolari estetici e meccanici (la sella era di diverso disegno e più imbottita, la pedana centrale più ampia, non più di gomma ma in plastica grigio/nera, la strumentazione più grande di diverso disegno con inserito l’indicatore di livello carburante, il bordoscudo non più in alluminio corodal ma in plastica, il bauletto portaoggetti di forma diversa più ampio, il nuovo faro posteriore, la nuova griglia copriclacson, il freno anteriore con camma flottante autocentrante, la forcella anteriore di sezione grande, il paraschizzi posteriore di nuovo disegno interamente in plastica grigia. Nel 1983 con l’ufficializzazione ci fu la prima evoluzione significativa con l’aggiunta della batteria servizi (optional) e nel 1984 fu disponibile anche l’inedita versione “Elestart” con avviamento elettrico, con pulsante di avviamento motore .

Il 1985 vide il lancio della 125 T5 Pole Position versione sportiva della gamma PX, il cui nome indica l’alimentazione a cinque travasi e il nome di un trofeo assegnato dalla Piaggio all’autore della pole position nei Gran Premi di Formula 1, il cui premio consisteva in una Vespa. Nelson Piquet, vincitore del trofeo nel 1984, ne ottenne nove e l’opportunità di firmare con il proprio nome una linea di accessori per lo scooter di Pontedera. L’estetica era connotata dal faro rettangolare (anziché tondo) sormontato da un cupolino, dal posteriore a “coda tronca” e da uno spoiler anteriore; nuova e più completa la strumentazione, dotata anche di contagiri digitale. La meccanica fu ampiamente rivista rispetto alla 125 Arcobaleno: nuovo il gruppo termico, caratterizzato dal cilindro in alluminio cromato (prodotto da Gilardoni) anziché in ghisa come le altre PX, con diverse misure di alesaggio e corsa (da 52,5×57 mm a 55×52 mm) ed alettatura di testa e cilindro maggiorata, incrementato il rapporto di compressione a 11:1, carburatore da 24 mm, marmitta ad espansione, freni potenziati. Con tutte queste modifiche la potenza saliva a quasi 12 CV (contro i 7,75 della versione standard) e la velocità massima a 105 km/h (contro 97). Anche la T5 era disponibile con avviamento elettrico e miscelatore.

La Vespa PX rimase in listino per il mercato italiano fino al 1988 quando venne sostituita dalla Piaggio Cosa, continuando ad essere commercializzata all’estero.

Marca

Piaggio

Modello

Vespa PX 125 E

Cilindrata

125

Anno

1983

Condizioni

Restaurata

Targa

Si

Documenti

Si

4.500,00CHF

Il prezzo e escluso di passaggio di proprietà e trasporto.







    Accetto i termini e le condizioni della Privacy Policy

    Per concordare un appuntamento o ricevere maggiori informazioni si prega di compilare il modulo informazioni o contattarci su Facebook o WhatsApp (+41 768301847).


    × Come posso aiutarti?